Oggi sono passati 32 anni dalla morte di mio padre. È (o sarebbe) passato il tempo sufficiente a formare un nuovo essere umano maturo. Un nuovo uomo, una nuova donna. Che non ha vissuto con lui, ma lo conosce per quello che gli/le hanno raccontato. Che io ho raccontato.