Les amours fous, gli amori folli. Su LEI Style di gennaio 2022.

“Il nostro amore, non appartiene al cielo. Noi siamo qui, tra le cose di tutti i giorni. I giorni e i giorni grigi.” (Sergio Endrigo, Aria di neve)Sembra che la passione non ci appartenga, e che noi non apparteniamo a lei. Vorrei invece che iniziassimo questo nuovo anno con il proposito di incontrare le nostre passioni e di provare a vivere alla loro altezza. E questo significa prima di tutto, ora, subito, aderire ad esse ad ogni costo. Solo questo. Si sente spesso ripetere che le passioni sono la nostra fiamma interiore, impasto di desideri profondi. Credere ai nostri sogni ci porta a scoprire queste passioni, a metterle a nudo, perché i sogni sono desideri mascherati. Ma occorre credere ai nostri sogni. E dobbiamo innanzitutto saperceli raccontare, saperli raccontare agli altri. Perché prima di ogni cosa, i sogni sono storie. Storie sorprendenti sempre, troppo belle, troppo brutte. Al di là della realtà. Quanto dedichiamo ai sogni? E a desiderare che questi ci visitino di notte? Quanto tempo dedichiamo a raccontarli a qualcuno non appena ci svegliamo? Per questo non dobbiamo mai perdere l’opportunità fare colazione seduti a tavola con chi amiamo. La colazione è la cornice dei sogni. Mentre loro escono, li rendiamo commestibili con il primo sapore della giornata. La prima cosa che esce dalla nostra bocca deve essere un sogno. E nel raccontarlo ci sembrerà che sia tanto più vicino quanto più inafferrabile. I sogni scappano, si sciolgono come la schiuma di uno spumante, che prima satura il bicchiere, poi si libera in catenelle capricciose, che corrono dal fondo al bordo. Ed ecco che il desiderio dilaga in bocca, aderisce alle sue pareti, le graffia e le punge di carbonicità vaporosa, pastosa quanto effimera. La schiuma di uno spumante è la materia di cui sono fatti i sogni. Cosa porta la passione nelle nostre vite? Come in Il profondo mare azzurro (The Deep Blue Sea – 2011) diretto da Terence Davies, e adattato dall’omonimo testo teatrale di Terence Rattigan, i due protagonisti, Hester (Rachel Weisz) e Freddie (Tom Hiddleston) provano a vivere all’altezza della loro passione, ma ne sono divorati. Ciò che li rende più vivi, non può non ucciderli: quanto più vivi, tanto più mortali. Les amours fous.  

Brindiamo ad una passione che ci sappia ingannare lieve e senza pietà, come la spuma che rende delicata la violenza delle onde.

Ai piedi delle Alpi Apuane e quasi sul Mar Ligure, nasce la Cuvée Lunae di Cantine Lunae Bosoni (Luni – La Spezia), realizzazione del sogno di un metodo classico millesimato, dai vitigni tradizionali Albarola e Vermentino: leggero e appassionatamente vitale.