(Quadernetto numero cinque 2002 – 2003).

Quando rileggo questo racconto, un nodo alla gola mi stringe. Ma mi sento anche tanto umana. Parlo della morte del mio papà, e la sfumo nei versi del Purgatorio di Dante, che proprio in quei giorni leggevo al Liceo.